Logo

Dietologica

Eva, il Serpente e la Mela Candita

Prevenire la carie dei bambini con l’alimentazione


A cosa servono gli antiossidanti?

In questo video viene spiegato in modo molto semplice a cosa servono gli antiossidanti, buona visione!


Le possibili carenze della dieta vegetariana

140_0_4304352_347942Negli ultimi anni sono molti gli studi clinici che hanno evidenziato i benefici delle diete vegetariane nel minor rischio di incorrere nell’obesità, nel diabete, in patologie cardiache e tumorali. Ma una recente ricerca austriaca dell’università di Graz apparsa sulla rivista Plos One suggerisce che chi conduce uno stretto regime alimentare  vegetariano è più a rischio di allergia, ansia, depressione, tumore e consuma più farmaci. Questa pubblicazione ha suscitato molte polemiche, ma ci dà lo spunto per riflettere sulle possibili carenze di un programma nutrizionale di tipo vegetariano.

FERRO: l’assorbimento del ferro presente nelle verdure è molto più scarso rispetto a quello presente nella carne. Le donne in età fertile devono assumere una grande quantità di verdure contenenti ferro e spesso ricorrono ad integratori.

VITAMINA B12: presente esclusivamente negli alimenti di origine animale, questa vitamina è essenziale per la maturazione dei globuli rossi.

CALCIO: presente soprattutto nel latte e nei formaggi, è carente nelle diete vegane e la sua assenza può portare a demineralizzazione ossea ed a conseguente osteoporosi.

IODIO: in molti alimenti spesso consumati dai vegetariani (cavolo, rapa, cipolla, noci) sono contenute sostanze che ostacolano l’assorbimento dello iodio, questo associato alla mancanza di pesce porta ad alterazioni gozzigene della tiroide.

In conclusione non vi è dubbio che le diete vegetariane apportino notevoli benefici, ma bisogna sempre considerare eventuali carenze, soprattutto in alcuni fasi della vita (adolescenza, gravidanza, post-menopausa), che possono condurre ad alterazioni patologiche.

Dott. Leonardo Coscia, medico chirurgo specialista in scienza dell’alimentazione


Abbronzarsi con il cibo

Estate: l’ alimentazione del bambino dai 2 ai 5 anni